You Are Here: Home » Amministrazione Mastella » Iadicicco, dopo il vigliacco corto circuito dell’auto, deve portare in Procura gli ex assessori Raffaele del Vecchio e Cosimo Lepore

Iadicicco, dopo il vigliacco corto circuito dell’auto, deve portare in Procura gli ex assessori Raffaele del Vecchio e Cosimo Lepore

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Dopo l’incendio dell’auto, Iadicicco spera nel sostegno della Digos per la “opera di normalizzazione” condotta dall’amministrazione. 

Comunicato stampa del 9 febbraio 2021

Nella notte tra venerdì e sabato scorso, ha preso fuoco l’auto Porsche in uso ad Antonio Iadicicco, dirigente all’Urbanistica- Commercio e Ambiente del Comune di Benevento, in questo periodo impegnato per la riqualificazione delle Periferie; i progetti per il PICS; la revisione del progetto ex INPS; gli Housing Sociali; la sanatoria per il Burrificio; la riqualificazione delle aree edificabili.

L’interessato continua a precisare che probabilmente si tratta di un corto circuito, ma questa tesi non convince ed infatti gli arrivano diversi messaggi di solidarietà.

Tra questi c’è anche quello di Francesco Nardone, responsabile delle relazioni istituzionali di Futuridea che attraverso Facebook indirizza ad Antonio Iadicicco (membro dello staff della stessa associazione) un “abbraccio per il vile gesto”.

Difficile immaginare che Nardone possa apostrofare come vigliacco un corto circuito.

Iadicicco ha ringraziato gli amici, ha ribadito “le indagini chiariranno se si tratta invece di un corto circuito. … Mi piace pensare che sia così” ma poi ha aggiunto “ringrazio il vicequestore Tranquillo per lo scrupolo con cui sta conducendo le indagini e soprattutto per avermi rassicurato sulla sua presenza nell’opera di normalizzazione che io e i colleghi dirigenti stiamo conducendo, insieme all’amministrazione in carica, nel nostro servizio verso una città che fino ad oggi non ha conosciuto e rispettato regole. Dai dehors alla depurazione, dagli impianti pubblicitari agli impianti sportivi, agli immobili comunali”.

Si tratta di una dichiarazione molto grave!

Il dottore Tranquillo è il dirigente della Digos che certamente sta svolgendo indagini approfondite, ma non si capisce in che modo il funzionario di polizia potrebbe “rassicurare” Iadicicco nella “opera di normalizzazione” che gli amministratori e i dirigenti del Comune starebbero “conducendo”.

Ancora più grave l’altra affermazione del dirigente comunale, “questa città fino ad oggi non ha conosciuto e rispettato le regole”, con chiaro riferimento alla gestione amministrativa dell’Ente.

Iadicicco, che ancora non ha chiarito come e quando si è dimesso dall’incarico di progettista del palazzo Lumode sul terminal bus e come mai è stato assunto a dicembre 2018 ma ha firmato sette mesi dopo la dichiarazione sulla “assenza di motivi di inconferibilità e incompatibilità dell’incarico”, ritiene che solo grazie a lui e all’amministrazione Mastella la legalità sta trionfando.

Anche questa vaneggiante e sconnessa dichiarazione fa parte della campagna di propaganda del sindaco per la attribuzione di ogni responsabilità, anche di carattere penale, a “quelli di prima”. Ma un dirigente pubblico non può fare affermazioni tanto gravi senza produrre gli atti conseguenti.

Iadicicco deve denunciare fatti, lo deve fare formalmente assumendosi le relative responsabilità, come abbiamo fatto noi varie volte indipendentemente dal colore politico delle amministrazioni.

Siamo curiosi di sapere cosa pensano di queste dichiarazioni, gli avvocati Raffaele Del Vecchio e Cosimo Lepore, che sono stati potenti assessori per molti anni, prima che cominciasse l’opera di legalizzazione di Mastella, il sindaco “avversario” che adesso sostengono a spada tratta.

Per Altrabenevento- Gabriele Corona

 

 

 

 

Condividi su:
  • Twitter
  • Facebook

© Altrabenevento

Scroll to top