You Are Here: Home » Lotta al malaffare » Mensa scolastica 2016, ulteriori richieste di accertamento e segnalazione di violazioni contrattuali.

Mensa scolastica 2016, ulteriori richieste di accertamento e segnalazione di violazioni contrattuali.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lettera al nuovo dirigente comunale per il servizio MENSA:
1) quando è stata effettuta la bonifica da ZOLFO?
2) Chi ha accertato l’assenza di AMIANTO?
3) il sistema di preparazione delle VASCHETTE viola il capitolato.
4) Il personale lavora in CONDIZIONI NON ADEGUATE e SENZA CONTRATTO.

Benevento, 11 gennaio 2016
Avv. Angelo Mancini- Dirigente Settore Servizi al Cittadino
via Annunziata Palazzo Mosti, – 82100 Benevento

OGGETTO: MENSA SCOLASTICA 2016, SEGNALAZIONE ANOMALIE E VIOLAZIONI CONTRATTUALI..

Signor dirigente, prendiamo atto della sua disponibilità ad incontrarci per discutere del servizio di mensa scolastica ed in attesa che sia fissata la data, le indichiamo alcune questioni in modo che Lei abbia il tempo per i dovuti approfondimenti e i conseguenti chiarimenti.

CENTRO DI COTTURA. ACCERTARE SE L’AREA E’ STATA BONIFICATA DOPO LA RIMOZIONE DELLO ZOLFO. VERIFICARE EVENTUALE PRESENZA DI FIBRE DI AMIANTO.
Il Centro di cottura utilizzato dalla cooperativa Quadrelle 2001, affidataria temporanea del servizio, è lo stesso in precedenza utilizzato dalla soc. Ristorò. Dopo la denuncia della scrivente associazione, nel mese di dicembre 2014, furono rimossi i cumuli di zolfo, i silos e gli impianti utilizzati per la produzione di fitofarmaci, dall’area attigua semicoperta confinante con le cucine attualmente utilizzate per produrre i pasti per le scuole. Le chiediamo di accertare se l’area interessata alla presenza di quel materiale sia mai stata bonificata e da quali atti risulta tale adempimento.
Agli inizi del 2015, sia l’Arpac che la ASL sono state interessate alla verifica sulla eventuale presenza di fibre di amianto nel tetto del capannone. Come e quando si è concluso tale accertamento?

Accertamento sulla IDONEITà DEGLI AMBIENTI DI LAVORO.
Gli ambienti dove si preparano i pasti, compreso gli spogliatori e i servizi igienici utilizzati dal personale della ditta, sono assolutamente privi di riscaldamento. (Solo gli uffici sono dotati di caloriferi). I dipendenti addetti al servizio mensa non possono utilizzare neppure l’acqua calda e pertanto sono costretti a lavorare in condizioni non adeguate.
L’amministrazione comunale, prima dell’affidamento del servizio, ha chiesto ed acquisito il “Documento valutazione dei rischi”? Ha accertato il Comune di Benevento per quale motivo le visite mediche al personale, anche quello che manipola e tratta gli alimenti, sono state effettuate solo oggi, dopo oltre un mese dall’inizio del servizio?

CONFEZIONAMENTO DEI PASTI E CONSEGNA. VIOLAZIONE INEVITABILE.
L’articolo 7 del Capitolato speciale di appalto prevede che “La ditta affidataria dovrà impegnarsi, per tutta la durata dell’appalto, alla fornitura dei pasti, confezionati caldi e preparati nello stesso giorno nel proprio centro di cottura, al trasporto ed alla distribuzione, entro e non oltre 45 minuti dal confezionamento, con idonei contenitori , vaschette termosaldate monouso”. Il successivo art. 12 indica che “I pasti dovranno essere consegnati dal lunedì al venerdì nei seguenti orari: scuole materne dalle ore 11,40 alle ore 12,15; scuole elementari dalle ore 12,00 alle ore 13,00″;
La cooperativa Quadrelle 2001 utilizza lo stesso impianto in precedenza in uso alla Ristorò per confezionare i pasti che non consente la contemporanea preparazione dei “primi” e dei “secondi”. Viene prima cucinato il “secondo” che dalle ore 9 circa viene posto nelle vaschette dove rimane per circa 3 ore prima del consumo da parte del bambino delle scuole materne ed addirittura 4 ore prima del pasto dei bambini delle elementari. Finora lo scarso numero di pasti confezionati (tra 600 e 700 compreso quelli per gli insegnati) ha consentito alla ditta di restringere i tempi di preparazione e consegna, ma è evidente che qualora si dovessero preparare i 1.250 pasti previsti, la violazione contrattuale sarebbe inevitabile.

PERSONALE DISCRIMINATO E SENZA CONTRATTO.
L’art. 30 del Capitolato prevede che la ditta aggiudicataria, in questo caso la cooperativa Quadrelle 2001, deve utilizzare il personale già alla dipendenze della Ristorò. Ad oggi, però, nessuno dei dipendenti in servizio ha firmato il contratto di lavoro e una parte dei lavoratori (quelli iscritti al sindacato CUB che avevano denunciato i disservizi della Ristorò) sono stati immessi a lavoro una settimana dopo di quelli iscritti alla Cisl, Cgil e Ugl. Chi è il funzionario comunale preposto a questi controlli?
Per altrabenevento- Gabriele Corona

Condividi su:
  • Twitter
  • Facebook

© Altrabenevento

Scroll to top