You Are Here: Home » Lotta al malaffare » Perchè la Coop. Quadrelle 2001 è convinta di vincere il ricorso al TAR ed aggiudicarsi il servizio mensa scolastica per 5 anni?

Perchè la Coop. Quadrelle 2001 è convinta di vincere il ricorso al TAR ed aggiudicarsi il servizio mensa scolastica per 5 anni?

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Comunicato stampa del 7 gennaio 2016

Il comandante-dirigente Giuseppe Moschella, finalmente non si occupa più della mensa scolastica. Altrabenevento chiede un incontro urgente al nuovo Dirigente del Settore Servizi al Cittadino, per affrontare diverse questioni irrisolte, ma soprattutto per sapere perchè il Comune non si è costituito contro la cooperativa Quadrelle 2001 convinta di vincere il ricorso al TAR e aggiudicarsi il servizio mensa scolastica per cinque anni al prezzo maggiorato del 65% rispetto a quello attuale.?

Questa mattina Altrabenevento ha chiesto al Dirigente del Settore Servizi al Cittadino, Angelo Mancini, che dal 30 dicembre ha sostituito in questa funzione il dirigente-comandante Giuseppe Moschella, un incontro urgente per discutere delle questioni tuttora irrisolte relative al servizio di mensa scolastica. La Commissione mensa non è stata ancora istituita, la carta dei Servizi per stabilire esattamente il sistema dei Controlli, non è stata approvata, il personale ex Ristorò assunto dalla Quadrelle 2001 non ha ancora firmato alcun contratto.

Ad oggi diversi genitori pur avendo richiesto la mensa per i propri figli, preferiscono far mangiare ai bambini panini o pasti portati da casa in attesa che siano definitivamente chiariti i termini del servizio e il prezzo definitivo.

Ad ottobre scorso, a seguito di “gara europea”, l’appalto era stato affidato alle ditte G.L.M. di Castellammare di Stabia e Global Service di Atripalda ma per motivi che ancora rimangono inspiegati, quella gara è stata annullata o dichiarata deserta, a seguito di ricorso presentato dalla cooperativa Quadrelle 2001di Quindici provincia di Avellino.

Poi, dopo una “gara negoziata” il servizio è stato affidato temporaneamente proprio alla ditta Quadrelle 2001 per il prezzo di € 2,89 per ogni pasto rispetto al prezzo di gara fissato in € 4,30.

Nella nota di Altrabenevento inviata questa mattina a Mancini, si ricorda che finora non è stato possibile sapere se l’amministrazione comunale ha effettuato la valutazione sulla congruità o anomalia di tale prezzo. La ditta però, sostiene pubblicamente di aver offerto il pasto ad un prezzo certamente “promozionale” perchè è convinta di vincere il giudizio al TAR e quindi di aggiudicarsi il servizio a € 4,79 per la durata di cinque anni.

E’ facile immaginare, che saranno diverse le liti giudiziarie relative a questi affidamenti tra le ditte concorrenti com’è accaduto ad Acerra con conseguente sospensione o blocco del servizio.

Secondo indiscrezioni comparse sulla stampa, l’udienza dinanzi al TAR sarebbe stata fissata per il prossimo 13 gennaio, ma, ad Altrabenevento risulta che l’amministrazione guidata da Fausto Pepe, si sarebbe già costituita in giudizio contro la G.L.M. ma non contro la Quadrelle 2001.

Se tale clamorosa notizia dovesse risultare vera, sarebbe spiegata la estrema sicurezza mostrata dalla cooperativa avellinese, in affari con la Ristorò, di vincere il ricorso ed aggiudicarsi il servizio per cinque anni.

Per altrabenevento- Gabriele Corona

Condividi su:
  • Twitter
  • Facebook

© Altrabenevento

Scroll to top