You Are Here: Home » Corruzione » Anticorruzione di Mastella » Anticorruzione Mastella/11 – Il nuovo responsabile dello Sportello Unico Edilizia in conflitto di ruolo.

Anticorruzione Mastella/11 – Il nuovo responsabile dello Sportello Unico Edilizia in conflitto di ruolo.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Da Il Sannio Quotidiano del 7 dicembre 2016

“Capo della Vigilanza Edilizia, la CUB denuncia conflitto di ruoli”

di Antonio Tretola

E’ ancora tutta da scrivere la vicenda delle rotazioni al Comune di Benevento, in nome del Piano anticorruzione. Quelle che fanno più rumore sono i cambi di Corona sposttao allo’Ufficio Contravvenzioni della Polizia Municiplae e quello di panella che ha lascitao il SUE, Sportello Unico dell’Edilizia.

Il nuovo capo del SUE, tra le cui mansioni rientra anche la guida di una casella cruciale come la Vigilanza edilizia, è antonio De Gennaro. A Palazzo Mosti fin dal 1987: un ruolo cruciale lo ebbe già nella Giunta di centro destra quando fu coordinatore del Settore Urbanistica dal 2001 al 2005 con l’amministrazione D’Alessandro. Poi nel 2005 fu trasferito al settore opere pubbliche ed optò per il part-time in modo da svolgere anche l’attività professionale.

De Gennaro ha per la verità anche un contenzioso amministrativo aperto in materia urbanistica. Nel 2009 ha presennato insieme ad alcuni familiari, due ricorsi al TAR e diversi motivi aggiunti per chiedere l’annullamento delle autorizzazioni rilasciate ad un imprenditore locale per costruire a Piano Cappelle, su un terreno confinante con quello della famiglia De Gennaro, una struttura destinata alla produzione e commercializzazione di tende da sole con annessi uffici e servizi.

A seguito di un esposto di De Gennaro relativo alla classificazione dei terreni, il Comune ordinò il blocco dei lavori e l’imprenditore presentò un progetto in diminuzione assentito con un nuovo Permesso di Costruire nel 2012.

Il Tar Campania, però, con la sentenza n. 03799 del 24 luglio 2013 ha annullato anche quest’ultimo permesso considerando l’intervento di tipo industriale piuttosto che “artigianale-commerciale” come prevede la classificazione urbanistica dell’area.

Contro questa sentenza, però il Comune di Benevento ha presentato ricorso al Consiglio di Stato. La decisione è attesa per i primi mesi del 2017.

Un caso che solleva il sindacalista della CUB, Alberto Zollo (segretario provinciale Enti Locali del sindacato) che fa notare come “Antonio De Gennaro, va a ricoprire l’incarico di Responsabile dello Sportello Unico per l’Edilizia e quindi si troverà ad affrontare il caso dello stabilimento produttivo per le tende da sole bloccato a Piano Cappelle, nella doppia veste di denunciante e di rappresentante del Settore Opere- Urbanistica che ha emesso i provvedimenti da lui impugnati. Appare evidente il conflitto di ruoli. Motivo in più per considerare quantomeno inopportuno l’incarico affidato a De Gennaro che, si ricorda, è anche imputato in un procedimento penale per turbativa di gara. In casi analoghi, altri dipendenti sono stati assegnati ad altri settori diversi, De Gennaro invece è addirittura promosso nell’ambito dello stesso settore e magari riceverà pure, a breve, l’incarico di direttore organizzativo”.

Ieri la CUB ha ha consegnato pure un documento ai consiglieri comunali in cui ha denunciato tutte le incongruenze dei trasferimenti: “Al Comune di Benevento le norme anticorruzione stravolte per allontanare da posti delivati due dipendenti che combattono il malaffare. Il Consigio non può tacere!” è il titoletto del dossier in cui tra le altre cose il sindacato denuncia pure che “il dirigente Basile non ha disposto la rotazione dei dipendenti che da oltre 10 anni si occupano dell’Ufficio Gare, del Patrimonio o dell’Ufficio Amministrativo dell’Urbanistica.”

Condividi su:
  • Twitter
  • Facebook

© Altrabenevento

Scroll to top