You Are Here: Home » Lotta al malaffare » Pasta e ceci: il presidente di Altrabenevento indagato per aver organizzato un attentato dinamitardo senza dinamite.

Pasta e ceci: il presidente di Altrabenevento indagato per aver organizzato un attentato dinamitardo senza dinamite.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Comunicato stampa del 4 agosto 2015

Ho saputo ufficialmente dal Tribunale di Benevento di essere iscritto nel registro degli indagati per i reati di: Diffamazione (art. 595 C.P.), Calunnia (art. 368 C.P.), Violenza privata – Minacce (art. 610 C.P.) Sono stato denunciato dalla Ristorò, la ditta della famiglia Porcelli-Barretta che per 10 anni ha gestito indisturbata la mensa scolastica del Comune di Benevento, la quale mi accusa di aver organizzato un “disegno criminoso” inventando accuse e prove per arrivare a far sospendere il servizio.
La denuncia fa riferimento soprattutto all’episodio della pasta e ceci che la Ristorò aveva prodotto il 3 dicembre e che poi aveva dovuto buttare per la presenza di larve e di insetti. La ditta ha sempre nettamente smentito, precisando di aver buttato solamente i ceci, che non cuocevano per difetto della pentola, nel cassonetto dell’umido e di avere servito la pasta in brodo alle scuole. Questa tesi è stata ripetuta più volte con comunicati stampa e con video interviste: “non abbiamo mai prodotto la pasta e ceci, non c’erano gli insetti, non abbiamo mai confezionato le vaschette, abbiamo buttato i ceci nella busta dell’umido”.
Anche il comandante della Polizia Municipale Moschella ha sostenuto la tesi della Ristorò, avendo “accertato”, a suo dire, che la pasta e ceci non era stata prodotta. Invece, nella video inchiesta del Corriere della Sera del 25 marzo scorso, il giornalista mostra le vasche delle fogne di uno stabilimento di proprietà della famiglia Porcelli- Barretta nella quale sono stati ritrovati i bustoni con pasta e ceci e centinaia di vaschette con residui del pasto e l’etichetta “Ristorò – Pasta e ceci del 3/12/2014”. Alcuni lavoratori della Ristorò, intervistati dal giornalista del Corriere, hanno confermato che la pasta e ceci era stata prodotta, sistemata nelle vaschette poi svuotate per la presenza di larve e insetti. Hanno spiegato che le vaschette e i bustoni con il pasto incriminato erano stati nascosti nelle fogne di uno stabilimento da tempo inutilizzato a seguito di un incendio. È stata così confermata la denuncia pubblica fatta da Altrabenevento con più comunicati agli inizi di dicembre 2014 ed è stata invece smentita clamorosamente la tesi della Ristorò.
Recentemente un cronista di giudiziaria ha affermato che l’Arpac, dopo 4 mesi dal fatto, ha esaminato le vaschette e la pasta e ceci, ma non ha trovato residui di insetti. Secondo il cronista questo “accertamento” smentirebbe Altrabenevento e confermerebbe la difesa della Ristorò. La notizia è stata accolta con esultanza dal Comandante Moschella, il quale si è precipitato a dichiarare a mezzo stampa che questo la inattendibilità delle dichiarazioni di Altrabenevento.
In realtà, i funzionari dell’Arpac, dopo il sopralluogo effettuato il 10 aprile scorso, hanno attestato di essersi recati presso l’impianto di depurazione della società Complesso Polivalente Rossana e di aver proceduto ad aprire una vasca di fogna con la copertura in metallo, trovando “alcune vaschette per il confezionamento di pasti, vuote, e 4 sacchi di colore nero. Due di questi sacchi sono stati recuperati e svuotati e si è potuto verificare che entrambi contenevano un gran numero di vaschette (probabilmente più di un centinaio per sacco), sporche di una sostanza oleosa rossastra e molto annerite, presumibilmente da muffe, tutte evidentemente svuotate e contrassegnate da una etichetta che in molti casi è risultata ancora leggibile e contenente le seguenti indicazioni: “RISTORO’ srl Ponte Valentino zona ASI Z5 – 82100 Benevento – PASTA E CECI ingredienti… – data prod. /Lotto 03/12/2014”. Successivamente è stata aperta l’adiacente vasca IMOFF in cemento, anch’essa con fondo ricolmo di acqua stagnante e maleodorante, nella quale si sono notate diverse buste di plastica giallina …. Una di queste buste risultata ben chiusa viene recuperata ed aperta. La stessa conteneva, in uno stato tale da renderla ancora perfettamente riconoscibile, pasta tipo tubetti e legumi tipo ceci, in parte probabilmente frullati e in parte interi. Il contenuto di detta busta è stato attentamente esaminato, visivamente e anche tramite ingrandimento fotografico e tale esame non ha evidenziato la presenza ne di vermi ne di parassiti”.
Quindi, l’Arpac e i Carabinieri hanno accertato che effettivamente nelle fogne dello stabilimento abbandonato erano state buttate almeno 400 vaschette con residui di pasta e ceci, molte delle quali ancora con l’etichetta della Ristorò. L’Arpac però, con una analisi solo visiva e senza esami di laboratorio, dichiara di non aver trovato tracce di insetti 127 giorni dopo il fatto.
La Ristorò si ritiene diffamata e Moschella esulta, ma nessuno spiega perché è stato necessario buttare la pasta con i ceci nelle fogne del vecchio stabilimento, insieme alle vaschette con etichetta.
La Procura indaga per verificare se è vero che si tratta di una montatura da me orchestrata, come denunciato dalla famiglia Porcelli- Barretta.
Secondo loro, io avrei cucinato decine di chili di pasta a cubetti con i ceci (e questo più o meno lo so fare), mi sarei procurato almeno 400/500 vaschette per alimenti proprio come quelle utilizzate dalla Ristorò (e pure questo lo potrei fare), avrei falsificato con lo stesso carattere e lo stesso tipo di carte le etichette con la scritta “Ristorò…pasta e ceci…3 dicembre 2014” (e con un po’ di impegno anche questo mi riesce). Poi però avrei anche chiuso termicamente, con un apposito macchinario, le vaschette (questo è un po’ difficile ma con la collaborazione di una ditta concorrete della Ristorò si può fare). Dopo aver riaperto e svuotato le vaschette, mi sarei introdotto con alcuni complici nel vecchio stabilimento con 5 o 6 bustoni e li avrei collocati nelle vasche di metallo e di cemento. Poi avrei pagato diversi testimoni per fargli riferire la versione da me inventata e avrei anche pagato o ingannato il giornalista del Corriere della Sera.
Grande, complesso, faticoso, dispendioso, rischioso e costoso disegno criminale, ma come tutti i delitti perfetti, anche io ho commesso un piccolo errore: mi sono scordato di mettere un po’ di larve e di insetti nella pasta e ceci. Che imbecille, sono andato a fare un attentato dinamitardo e mi sono scordato l’esplosivo!
La mia iscrizione nel registro degli indagati a seguito di denuncia è un “atto dovuto” come lo è la iscrizione di quei soggetti da me denunciati per truffa, frode contrattuale, mancati controlli e diffamazione. Aspettiamo di sapere che idea si sono fatti del “Giallo della Pasta e ceci con insetti dimenticati”, il tenente colonnello della Guardia di Finanza Luca Lauro, che conduce le indagini su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica Miriam Lapalorcia.
Per altrabenevento – Gabriele Corona

Condividi su:
  • Twitter
  • Facebook

© Altrabenevento

Scroll to top