You Are Here: Home » Servizi » Amministrazione Pepe bis » Sono pacchianate gli ‘open day’ alla mensa scolastica. La prima visita dei genitori, conferma le denunce di Altrabenevento.

Sono pacchianate gli ‘open day’ alla mensa scolastica. La prima visita dei genitori, conferma le denunce di Altrabenevento.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Comunicato stampa del 7 marzo 2015

Sono pacchianate gli ‘open day’ organizzati dalla Ristorò presso il centro di cottura della mensa scolastica. La prima visita guidata dei genitori, nonostante volgari tentativi di depistaggio, conferma le denunce di Altrabenevento.

La società Ristorò che gestisce il servizio di mensa scolastica, ha organizzato in accordo con il Dirigente comunale competente, Giuseppe Moschella, le visite guidate al centro di cottura senza fornire ai docenti e ai genitori il Capitolato Speciale di Appalto che contiene le regole alle quale ditta dovrebbe attenersi e neppure i menù settimanali adottati dalla ASL. Le mamme finora, non hanno neppure potuto vedere le etichette incollate sulle vaschette dei pasti serviti ai propri figli che sono state più volte pubblicate solo da Altrabenevento.
Nonostante la carenza assoluta di informazioni necessarie per verificare il servizio, ieri un gruppo di genitori e docenti della Scuola San Filippo ha visitato il centro di cottura e non si è fatto incantare dalla messinscena organizzata dalla famiglia Barretta che dopo le denunce di Altrabenevento ha impiegato tre mesi per sostituire le pentole indecenti e ripulire i locali alla meglio.
Per questo primo ‘open day’ nel centro cottura era presente il doppio del personale che normalmente ci lavora. Infatti diversi dipendenti normalmente utilizzati nelle scuole, sono stati convocati presso le cucine e dotati finalmente di camici nuovi con le etichette ‘Ristorò’ incollate all’ultimo momento. Ma nonostante il potenziamento di organico, solo fittizio, il merluzzo con le carote è stato scongelato e cucinato di notte e messo nelle vaschette tra le 8,00 e le 9,30 quindi 4-5 ore prima della consumazione (il contratto prevede al massimo 50 minuti).
Sempre a proposito dei tempi di cottura, i vertici della Ristorò incalzati dalle domande della delegazione, hanno dovuto ammettere, contrariamente a quanto affermato finora, che la carne viene cucinata almeno un giorno prima della preparazione del pasto (il contratto prevede “cottura in giornata). Le carote- servite per la quarta volta in sette giorni- sono anch’esse surgelate invece dovrebbero essere fresche secondo il contratto e nella pasta solo ieri è stato aggiunto il formaggio, assente fino a mercoledì scorso (vedi etichette allegate). Ma dopo aver lesinato sul numero dei bastoncini, si può giocare al risparmio anche sulla spruzzatina di cacio sui maccheroni?
La Ristorò non ha fatto vedere i bustoni che contenevano il merluzzo e quindi non è stato possibile notare gli ingredienti e neppure il marchio della ditta produttrice. La ditta della famiglia Barletta non ha voluto neppure far vedere la vaschetta con il ‘pollo surgelato’ servito martedì scorso, nonostante il contratto le fa obbligo di conservarle per 72 ore a disposizione anche dei genitori chiamati a controllare il servizio.
La Ristorò tiene in bella mostra i pacchi di un noto pastificio locale, ma le mamme di San Filippo hanno notato che ci sono anche confezioni di carne che arriva dalla spagna e fagioli importarti dall’argentina. Alla faccia degli approvvigionamenti a ‘kilometri zero’!
Naturalmente questi ‘particolari’ ed altre ‘anomalie’ non sono stati mai evidenziati dagli organi preposti ai controlli, come dimostreremo con il secondo dossier sulla mensa scolastica che presenteremo martedì prossimo ai consiglieri comunali i quali, finalmente, dopo diversi mesi di proteste e polemiche, si degnano di discutere di questo delicato servizio pubblico.
Per Altrabenevento- Gabriele Corona

Leggi l’Autorizzazione_di Moschella agli OPEN_DAY

Condividi su:
  • Twitter
  • Facebook

© Altrabenevento

Scroll to top