You Are Here: Home » Servizi » Amministrazione Pepe bis » Violazioni igieniche, condannata la Ristorò. Il “genitore” che l’ha difesa è invece un sindacalista con un falso nome.

Violazioni igieniche, condannata la Ristorò. Il “genitore” che l’ha difesa è invece un sindacalista con un falso nome.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Comunicato stampa del 21 gennaio 2015

Ieri la soc. Ristorò che gestisce il servizio di mensa scolastica per il Comune di Benevento non ha pagato gli stipendi ai dipendenti. Alla protesta del sindacato CUB si sono oggi associate CGIL, CISL e UIL che hanno proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori.
Eppure finora i rappresentanti sindacali della triplice, rimasti in imbarazzato silenzio dopo le proteste dei genitori per la scarsa qualità del servizio, si erano limitati a promuovere la sottoscrizione tra i lavoratori di un documento di condanna di Altrabenevento che con un apposito dossier aveva denunciato le diverse irregolarità relative al contratto sottoscritto dal Comune.
Alla conferenza stampa di Altrabenevento era intervenuto anche Fioravante Bosco, segretario generale provinciale della UIL che aveva definito il dossier “opera meritoria” mentre un sedicente “genitore di bambini che utilizzano il servizio di mensa scolastica” aveva assunto la difesa di ufficio della Ristorò (dal minuto 53) . Abbiamo poi scoperto che quel “genitore” è in realtà un sindacalista che si è presentato con un nome diverso dal suo. E’ proprio il delegato sindacale della UIL quello che ha materialmente sottoposto alla firma dei lavoratori, mentre ritiravano lo stipendio di dicembre, il documento inviato anche alla stampa, con il quale si assicurava che i lavoratori sono stati sempre regolarmente pagati e che il servizio è eccellente. Anche la Ristorò ha, ovviamente, sostenuto che dai numerosi controlli effettuati dalle autorità preposte non è mai risultato niente di anomalo.
Dopo poche settimane, però, l’amministratore della Ristorò ha ricevuto un provvedimento penale, una multa, per la presenza di un corpo estraneo in una vaschetta di cibo somministrato ad un bambino di una scuola elementare a febbrario scorso.
Adesso, CGIL, CISL e UIL di certo non posso continuare a tacere e devono anche spiegare perché, per difendere la ditta, un sindacalista si presenta addirittura ad una conferenza stampa sotto falso nome.
Per Altrabenevento – Gabriele Corona

Condividi su:
  • Twitter
  • Facebook

© Altrabenevento

Scroll to top