You Are Here: Home » Romanzo Serpenti-Coniglietti » “Mastella, i Serpenti e i Coniglietti”. 4 – Attestato SPRARrito, serpente smarrito.

“Mastella, i Serpenti e i Coniglietti”. 4 – Attestato SPRARrito, serpente smarrito.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Romanzo estivo: Quarta e penultima puntata

Comunicato  stampa del 29 agosto 2018

 [Riassunto delle puntate precedenti (14, 19 e 24 agosto): Il Comune di Benevento, dopo vari ridicoli tentativi per chiudere il centro per assistenza ai disabili “E’ più bello insieme” (problemi igienici, morosità, mancanti acconti) sostiene che bisogna fare una gara di appalto nel rispetto della trasparenza e della legalità, per la gestione del servizio. Il modello da seguire è l’affidamento del servizio SPRAR (integrazione rifugiati) finanziato dal Ministero dell’interno con un milione di euro, assegnato recentemente alla cooperativa Esculapio di Marano che ha indicato some sede la ex conigliera di contrada San Chirico già oggetto di numerose polemiche.
La società napoletano-casertana che prende il nome dal dio greco della medicina (quello con il serpente ispiratore) voleva utilizzare per 4.500 euro al mese, solamente la cantina, una piccola stanza su piano ammezzato, metà del primo piano e il sottotetto ma a seguito di un contorto e sinuoso percorso particolarmente scivoloso, è stata rilasciata l’agibilità anche per locali non indicati in sede di gara e che non risultano condonati. Come farà il serpente ad “ispirare” anche l’attestato di conformità al Manuale Operativo per gli SPRAR?]

Il dirigente del settore Servizi al Cittadino con la nota protocollo 39395 del 27/4/2018 ha chiesto al settore Opere Pubbliche “di verificare che la struttura di proprietà del Sig. De Minico Mario, sita in Benevento alla c/da San Chirico snc, censita al catasto fabbricati foglio 17 particella 454, subalterni 2-6-7 possegga i requisiti e le condizioni igienico sanitarie, previste dal Manuale Operativo per l’attivazione e la gestione di servizi di accoglienza, integrazione per i richiedenti asilo, rifugiati e beneficiari di protezione

Le parti di edificio indicate catastalmente con i subalterni 2-6-7 che a seguito di condono sono utilizzabili come abitazione e quindi per la ospitalità dei migranti, sono la cantina con una stanza e bagno al piano ammezzato per complessivi 33 metri quadrati, la metà del piano primo (tre camere e bagni) e il sottotetto (tre camere e bagni). La Esculapio escludeva chiaramente le parti indicate catastalmente con i sub 3 e 4 al piano terra che non risultano condonate (allegato al Permesso di Costruire 2866 del 31 luglio 2017).umanitaria SPRAR, nonché i requisiti stabiliti dal regolamento urbanistico edilizio comunale”.

L’ufficio tecnico il 20 luglio scorso ha risposto alla richiesta del settore Servizi al Cittadino attestando che le superfici abitabili sono: “al piano primo (subalterno catastale 7) 181,05 mq. così composti: “una camera da due (2) persone e due camere per sei (6) persone con servizi igienici lavabo e corridoio”. Al sottotetto (subalterno 6) di mq. 108,25 sono utilizzabili “una camera da due (2) persone, due camere da tre (3) persone, disimpegno e servizi igienici”. L’Ufficio Tecnico attesta che è abitabile ed utilizzabile anche 1 camera da due (2) persone di metri quadrati 13,35 con bagno al piano terra-ammezzato, cioè quella indicata catastalmente come subalterno 2 insieme alla CANTINA che però non viene più considerata (forse perché il serpente, che si è arravogliato troppo con i numeri, ha capito che deve fare attenzione alle sostanze esaltanti).

Ma a sorpresa, l’Ufficio Tecnico nella sua relazione del 20 luglio, aggiunge ai locali da considerare abitabili ed idonei per l’accoglienza dei migranti, anche i seguenti del piano terra: “un (1) locale ricettivo/pranzo di mq. 155,00; un (1) locale cucina di mq. 32,65; un (1) locale lavanderia di mq. 20,25; servizi igienici per mq. 11,10″. Si tratta, però, di locali catastalmente indicati come “subalterno 3″ di categoria C1 (commerciali) , che non erano stati indicati da Esculapio tra quelli di categoria A (Abitazione) da utilizzare per lo SPRAR, durante la famosa gara di appalto presa a modello per “trasparenza e legalità” .

La relazione dell’Ufficio Tecnico del 20 luglio si conclude attestando che “la suddetta unità immobiliare possiede i requisiti igienico sanitari prescritti dalle vigenti norme igienico-sanitarie e in base alla superficie complessiva indicata è idonea ad ospitare un massimo di 24 persone”.

A leggere con attenzione si nota però che il settore Opere Pubbliche non attesta, come richiesto dal settore Servizi al Cittadino, che la struttura possegga anche i requisiti previsti dal Manuale Operativo per gli SPRAR che, tra l’altro, prevede un numero massimo di 4 persone per ogni camera mentre la relazione dell’ufficio tecnico precisa che due camere sono da 6 posti.

Il Manuale Operativo Sprar prevede anche che le strutture di accoglienza-integrazione devono essere ubicate in città o comunque vicino a fermate degli autobus urbani, ma neppure questo è vero per l’ex conigliera. Chi ha attestato questi requisiti fondamentali? Come ha risolto questi problemi il dirigente del Settore Servizi al Cittadino che il 23 luglio ha affidato definitivamente alla cooperativa Esculapio il servizio SPRAR finanziato con un milione di euro, da organizzare nell’edificio di contrada San Chirico?

(continua)

Il presidente – Gabriele Corona

Condividi su:
  • Twitter
  • Facebook

© Altrabenevento

Scroll to top