You Are Here: Home » Amministrazione Mastella » Mensa scolastica, 150 iscritti paganti. Il bluff della Cassa Integrazione. Il Comune non ha verificato il pagamento dei Contributi.

Mensa scolastica, 150 iscritti paganti. Il bluff della Cassa Integrazione. Il Comune non ha verificato il pagamento dei Contributi.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

CUB – Confederazione Unitaria di Base

Comunicato alla stampa del 28 ottobre 2016

Mensa scolastica: gli iscritti sono poco più di 300 ma solo 150 hanno pagato; è un bluff la cassa integrazione per i dipendenti annunciata dalla Quadrelle 2001 e dalla assessora Ingaldi. Il Comune non ha ancora verificato il pagamento dei contributi, condizione indispensabile per l’appalto. Comune e società di gestione aspettano l’esito del ricorso al TAR.

Si è tenuto ieri l’incontro convocato dall’assessora Amina Ingaldi del Comune di Benevento, tra la Coop. Quadrelle 2001 e la CUB ( Confederazione Unitaria di Base) per il servizio di mensa scolastica. I funzionari comunali presenti insieme all’assessore solo ad una parte della riunione, hanno innanzitutto comunicato di non aver ancora ricevuto dall’INPS i dati sul pagamento dei contributi. I delegati della CUB hanno insistito nel chiedere che tale verifica si faccia con urgenza perché è condizione indispensabile per l’affidamento dell’appalto. Per la presunta cassa integrazione in deroga, annunciata a mezzo stampa la scorsa settimana al termine dell’incontro tra CGIL, CISL , UIL, Assessora Ingaldi e Quadrelle 2001, è emerso che la ditta di Quindici , intende richiedere gli “ammortizzatori sociali” al momento di iniziare il servizio (forse il 3 novembre) allorquando verificherà ufficialmente che i pasti richiesti sono di molto inferiori ai 1.000 previsti dall’appalto pattuiti. Infatti, al momento gli iscritti sono di poco superiori ai 300 (ma solo 150 hanno pagato) ma la ditta non intende accollarsi il costo del lavoro fino all’eventuale accoglimento della cassa Integrazione in deroga e nel caso il servizio dovesse durare oltre il 31 gennaio, intende procedere ad un ulteriore riduzione di orario del personale dipendente e quando ciò non fosse sufficiente non esclude licenziamenti collettivi.

L’incontro è finito senza la sottoscrizione del verbale considerata la impossibilità di accordo. E’ chiaro, infine, che la Quadrelle 2001 e il Comune di Benevento stanno prendendo tempo con gli annunci di inizio del servizio puntualmente rinviati, perché aspettano l’esito del ricorso pendente al TAR per l’eventuale affidamento del servizio per 5 anni. Se il Tribunale Amministrativo dovesse dare ragione alla cooperativa avellinese il Comune di Benevento dovrebbe affidargli il servizio per un minimo di 750 pasti, pagati in ogni caso, al prezzo di 4,79 euro, ma siccome i pasti effettivi non supereranno i 300, allora la ditta licenzierà (così pensa) i due terzi dei lavoratori. Ottimo risultato ottenuto prima dall’amministrazione guidata da Fausto Pepe e poi condotta allo stesso modo dall’attuale sindaco clemente Mastella.

Il segretario nazionale- Marcelo Amendola

 

 

 

Condividi su:
  • Twitter
  • Facebook

© Altrabenevento

Scroll to top