You Are Here: Home » Lotta al malaffare » Mensa scolastica, perchè il pasto che prima non era buono con € 4,30 adesso è ottimo con € 2,89 ?

Mensa scolastica, perchè il pasto che prima non era buono con € 4,30 adesso è ottimo con € 2,89 ?

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Ottimo e abbondante. Per rassicurare gli utenti sulla qualità della mensa, non serve la progaganda del regime dei colonnelli. 

Secondo gli annunci a mezzo stampa del comandante Moschella, il servizio mensa dovrebbe cominciare mercoledì 9 dicembre, ma i genitori non hanno ricevuto alcuna comunicazione ufficiale e neppure sul sito istituzionale del Comune di Benevento c’è alcun comunicato, nè tra le “notizie” nè tra i documenti della sezione “mensa scolastica”.

Sono quindi legittime tutte le perplessità degli utenti sulla organizzazione del servizio anche perchè il Comune di Benevento ha in precedenza annunziato la data del 2 ottobre, poi quella del 16 novembre, quindi quella del 23 novembre e ora il 9 dicembre. Del resto, ad oggi, neppure i lavoratori ex Ristorò hanno ancora ricevuto l’ordine di servizio ufficiale con le disposizioni e le sedi di lavoro.

Intanto cresce la protesta dei genitori che non si fidano del servizio assegnato alla Quadrelle 2001 in affari con la Ristorò perchè nessuno si decide a spiegare come farebbe la “nuova” gestione a garantire il pasto con appena 2,89 euro.

Il pasto servito dalla Ristorò dal 7 gennaio 2014 al 25 marzo 2015 costava 4,30 euro ed ha prodotto numerose proteste. Poi sono stati rifatti i menù e le schede dei prodotti per aumentare la qualità ma il prezzo è sceso. Come mai?

La cooperativa Quadrelle 2001 per partecipare alla gara scaduta ad ottobre, assegnata alla concorrente G.L.M. e poi annullata dal Comune, per lo stesso pasto con gli stessi menù di quelli attuali, aveva offerto 4,79 euro sostenendo che non si poteva offrire di meno perchè “il menù, in conformità con le direttive Ministeriali da Voi richiamate, richiede che almeno il 30% degli alimenti sia BIOLOGICO. Poi, è appena il caso di ricordare, che tra le varie pietanze riscontriamo: Salmone, platessa gratinata, roast beef, polpette di tonno, pesce spada, giusto per ricordarne alcuni.Ed ancora, giusto per completare, ricordiamo che un pasto completo è composto da: Primo, Secondo, Contorno, Panino, Frutta, Bustina di Parmigiano Reggiano, con ALMENO il 30% di Biologico”.

Adesso, dopo appena due mesi, come fa la cooperativa Quadrelle 2001 ad offrire lo STESSO PASTO per € 2,89? E’ stato chiesto un parere alla nutrizionista che ha preparato i menù?

Questa è la domanda legittima che fanno i genitori che usufruiscono del servizio a pagamento. L’amministrazione comunale però non risponde.

Il sindaco che aveva annunciato “se il servizio sarà assegnato alla Ristorò anche sotto il nome Quadrelle, ci perdo la faccia”, non si degna di spiegare alcunchè agli utenti; ovviamente non spiega neppure Moschella che si è limitato a far sapere che siccome il pasto costa meno dell’anno scorso, anche il ticket a carico dei genitori costa poco.

Non comprende, il comandate- dirigente, che le mamme, dopo l’esperienza degli ultimi due anni, non possono rischiare di far mangiare ai bambini altre porcherie, anche se costano poco!

E siccome la protesta si allarga e molti genitori stanno rinunciando al servizio perchè nessuno risponde alle domande sul rapporto qualità/prezzo, Moschella si limita, come nella migliore tradizione della propaganda nel regime dei colonnelli, a dichiarare che gli utenti gradiscono il servizio perchè le adesioni sono tante e che solo dalla scuola San Filippo arrivano polemiche strumentali.

Non dice, invece, che le disdette stanno aumentando e che ad esempio alla scuola Sant’Angelo a Sasso, secondo un sondaggio ufficiale, meno del 10% dei genitori aderisce al servizio, gli altri rinunciano fino a quando non avranno le assicurazioni richieste.

Non spiega il mistero delle offerte tanto diverse per lo stesso pasto, neppure la cooperativa Quadrelle 2001 che ancora non si decide ad organizzare l’annunciata conferenza stampa insieme alla delegata sindacale CGIL. Intanto ha già creato motivi di contrasto con i dipendenti ai quali vorrebbe imporre la firma di un nuovo contratto di assunzione assolutamente illegittimo. Infatti, gli ex lavoratori della Ristorò sono già transitati alla nuova società a seguito di “cessione del ramo di azienda”. Quei dipendenti non sono mai stati licenziati dalla ditta della famiglia Barretta-Porcelli ed infatti la società che subentra trattiene il TFR. Perchè pretende la firma di un contratto capestro senza garantire la anzianità di servizio?

Anche questo comportamento dimostra che l’attuale servizio è in continuità con quello gestito fino a marzo dalla Ristorò e che, pertanto, produrrà, inevitabilmente, gli stessi devastanti risultati.

Per altrabenevento- Gabriele Corona

Condividi su:
  • Twitter
  • Facebook

© Altrabenevento

Scroll to top