You Are Here: Home » Lotta al malaffare » Carta del servizio di mensa scolastica proposta dagli utenti.

Carta del servizio di mensa scolastica proposta dagli utenti.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Al  Sindaco del Comune di  Benevento
 Al Dirigente del Settore Servizi al Cittadino- Dott. Giuseppe Moschella- Comune di Benevento
 Al Segretario Comunale, Dott.Claudio Uccelletti, Comune di Benevento
 

 I sottoscritti rappresentanti del  Comitato MenSana, Comitato Genitori I.C. San Filippo, Movimento 5 Stelle, Associazione Altrabenevento

 PPREMESSO
 1) che in data 5/08 u.s. presso l’aula consiliare del Comune si è svolta la riunione con i rappresentanti dei genitori,della Commissione mensa e delle associazioni e movimenti che, intendendo assicurare i massimi livelli di qualità al servizio mensa scolastica, di cui il Comune si appresta a bandire la gara, intendono indicare i criteri e i principi cui dovrà essere informato il servizio;
2) che alla riunione era altresì presente la Dott.ssa Pina Pedà, nutrizionista, che ha presentato le schede merceologiche e tecniche,le tabelle nutrizionali e caloriche allegate ai menu elaborati per la gara d’appalto;
3) che gli intervenuti hanno condiviso lo studio e gli elaborati tecnici, e intendono che gli stessi formino parte integrante del Capitolato d’appalto;
4) che è stata riscontrata la necessità dell’adozione della Carta dei Servizi, presupposto fondamentale che prevede ed assicura gli standards di qualità e quantità,il sistema dei controlli,l’informazione e l’accesso degli utenti,la pubblicazione degli atti, l’accesso degli utenti ai registri ed alle modalità giuridiche e tecniche di espletamento dei servizi, dei quali deve essere assicurato il rispetto da parte dei soggetti erogatori e del futuro aggiudicatario del servizio;

5) che tale documento deve essere adottato e inserito nel Capitolato speciale d’appalto;

6) che il servizio di ristorazione scolastica è soggetto alla Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri 27/01/1994  che stabilisce i principi ai quali deve essere informata l’erogazione dei servizi pubblici;

7) che il Comune di Benevento non ha finora attuato le norme di legge,avendo a tutt’oggi omesso di adottare la Carta dei Servizi per la ristorazione scolastica,come previsto dal Capo II, art.1 della direttiva;

8) che la direttiva prevede in particolare quanto segue : “4. I soggetti erogatori, al fine di acquisire periodicamente la valutazione degli utenti sulla qualità del servizio reso, ai sensi del paragrafo 5, comma 4, del titolo I, predispongono apposite schede a lettura ottica, e ne curano l’invio agli utenti; indicono riunioni pubbliche con la partecipazione degli utenti di una determinata zona o di una determinata unità di erogazione del servizio; effettuano, a campione, interviste con gli utenti, anche immediatamente dopo l’erogazione di un singolo servizio.5. I risultati delle verifiche effettuate sono pubblicati in una apposita sezione della relazione di cui al precedente comma 2 e di essi i soggetti erogatori tengono conto per identificare le misure idonee ad accrescere l’efficienza dei servizi e il raggiungimento degli obiettivi di pubblico interesse.”;

8) che i suddetti principi sono ribaditi anche dalle norme successive di cui alle Direttive della P.C.M. 24/03/2004,27/07/2005,29/12/2006;

9) che sono stabilite sanzioni per la mancata osservanza della Direttiva 27/01/1994, a carico dei dirigenti generali,dei dirigenti e degli altri dipendenti;

10) che la L.n.15/2009, che prevede la valutazione dei dirigenti, all’art.4 consente ad ogni interessato di agire in giudizio nei confronti delle amministrazioni nonché dei concessionari dei pubblici servizi se dalla violazione di standard qualitativi ed economici o degli obblighi contenuti nelle Carte dei Servizi,dall’omesso esercizio di poteri di vigilanza,di controllo o sanzionatori,dalla violazione dei termini o dalla mancata emanazione di atti amministrativi generali derivi la lesione di interessi giuridicamente rilevanti per una pluralità di utenti o consumatori…”;

11) che anche il disegno di legge approvato il 5/08 u.s.  riconosce il diritto di accesso ai fini di “favorire forme diffuse di controllo nel perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche”;

12) che i sottoscritti,nella loro qualità di rappresentanti dei genitori e degli utenti del servizio mensa scolastica intendono che siano riconosciuti ed inseriti nella Carta del servizio di refezione scolastica i seguenti principi:

A) QUALITA’ DEL SERVIZIO.

OBIETTIVI AZIONI TEMPO

RISPOSTA/INDICATORE

Capacità di ascolto e soddisfazione degli utenti ü  Menù equilibrati dal punto di vista nutrizionale modulati il più possibile sul gusto dei bambini

ü  Personalizzazione delle diete speciali per motivi sanitari documentati da certificato medico

ü  Menù alternativi che rispettano la multietnicità

Risposta entro 30 gg
Gradimento del servizio ü  Somministrazione di questionari e/o altra tipologia di rilevazione

ü  Analisi dei suggerimenti/proposte

Periodicità trimestrale
Verifica del funzionamento Convocazione della commissione mensa Cadenza Mensile o quindicinale, in caso di problematiche rilevate o semplicemente sollevate
Promozione dell’educazione alimentare ü  Sviluppo del progetto

Prevedendo anche un menù “di completamento” che possa fornire indicazioni alle famiglie, affinchè l’alimentazione giornaliera dei bambini sia equilibrata e completa

ü  Interventi di formazione/informazione

ü   Interventi per promozione dei corretti comportamenti e stili di vita

ü  Es:  Promozione uso acqua potabile dell’acquedotto

Min. 5 scuole coinvolte
Monitoraggio qualità Promozione della partecipazione attiva di tutti i soggetti interessati per il miglioramento continuo del servizio Analisi semestrale delle rilevazioni e dei suggerimenti

 

 

B) MONITORAGGIO DEL SERVIZIO E CONTROLLO DI QUALITA’

TIPOLOGIA DI CONTROLLO

SOGGETTO

RILEVAZIONI

IGIENICO-SANITARIO ASL Sopralluoghi a campione
-Verifica del rispetto della scheda tecnica dietetica

- Verifica rispetto del Capitolato d’Appalto

- Accettabilità dei pasti da parte degli utente

- Sorveglianza sulle materie prime (caratteristiche merceologiche)

- Sorveglianza sulla produzione del pasto

DIETISTA Almeno una volta al mese in ogni scuola.

Più volte al mese nei centri di cottura e ove vi siano criticità.

 

La ditta aggiudicatrice dovrà  indicare espressamente i propri fornitori e le marche dei prodotti che utilizzerà

 

Controllo della qualità del pasto (temperatura del pasto con termometro per alimenti)

Controllo bilancia per diete

DIETISTA Almeno una volta al mese in ogni scuola
Controllo della qualità del pasto COMMISSIONE MENSA (Compongono la Commissione Mensa:  Il Dirigente Pubblica Istruzione o suo delegato,  un rappresentante Azienda, un Dirigente o un insegnante delegato e un genitore per ogni istituto comprensivo,  un rappresentante ASL, un nutrizionista e/o un pediatra Almeno una volta al mese in ogni scuola
Caratteristiche del servizio (pulizia locali, attrezzature, abbigliamento del personale, tempi di distribuzione, osservanza delle norme igieniche, cortesia del personale) DIETISTA Più volte al mese nei centri di cottura e in ogni scuola
Verifica generale del servizio DIETISTA

COMMISSIONE MENSA

Almeno 3 volte l’anno e ogni volta se ne ravvisi la necessità
Monitoraggio della qualità
  • ·         prevedere espressamente, per ciascun plesso scolastico interessato dal servizio, la possibilità di accesso ai locali scolastici adibiti a mensa, senza preavviso, da parte di alcuni genitori autorizzati
  • ·         compilazione quotidiana obbligatoria di schede di gradimento, concepite in maniera tale da costituire uno strumento di monitoraggio dei pasti (da parte degli insegnanti e degli alunni fruitori dei pasti)
Più volte a settimana

 

 

 

 

 

Giornalmente

 Per l’adempimento dei controlli di competenza della figura professionale del dietista, il Comune dovrà individuare tale esperto,che i sottoscritti rappresentanti indicano nella Dott.ssa Pina Pedà, che ha redatto i menù e organizzato i controlli.

 C) DIRITTI DEGLI UTENTI

 I cittadini hanno diritto di formulare richieste,proposte,segnalazioni e osservazioni,nonché reclami rispetto agli impegni assunti con la Carta dei Servizi.

Il Servizio si impegna a rispondere a quest’ultimo tipo di istanza entro un tempo massimo di 10 giorni indicando lo stato di avanzamento della pratica ed il Responsabile.

Le segnalazioni dovranno essere inoltrate al Responsabile della Carta dei Servizi, che il Comune dovrà individuare, tramite posta elettronica ovvero numero verde o via fax.

Un estratto della Carta dei Servizi dovrà essere distribuito a tutti gli utenti e ad ogni singolo istituto scolastico.

tutto ciò premesso ed esposto con il presente atto i sottoscritti

 C H I E D O N O

al Sindaco del Comune di Benevento;

al Dirigente del Settore servizi al cittadino Dott.Giuseppe Moschella :

1) di adottare la Carta del servizio di ristorazione scolastica del Comune di Benevento, che avrà valenza contestuale all’inizio del servizio mensa;

2) di inserire nella Carta dei servizi le norme e i criteri di cui al presente documento, nonchè le tabelle e le prescrizioni di cui alle note della Dott.ssa Pedà;

3)  di inserire la Carta dei Servizi quale atto facente parte del Capitolato d’appalto prevedendone l’obbligo di rispetto da parte dell’aggiudicatario.

In caso di inottemperanza, la presente vale quale diffida ex art.4 L.n.15/09.

Benevento 10 agosto 2015

 Comitato MenSana  

Comitato Genitori I.C. San Filippo             

Movimento 5 Stelle

Associazione Altrabenevento

 

 

 

 

 

Condividi su:
  • Twitter
  • Facebook

© Altrabenevento

Scroll to top