You Are Here: Home » Servizi » Amministrazione Pepe bis » Mancati controlli per il servizio di mensa scolastica, Moschella si deve dimettere!

Mancati controlli per il servizio di mensa scolastica, Moschella si deve dimettere!

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Comunicato del 14 marzo 2015

Il dottor Giuseppe Moschella, nella doppia qualità di dirigente del settore Servizi al cittadino e di comandante della Polizia Municipale, ha dichiarato a “Gazzetta di Benevento” che la vaschetta con il pasto prodotto il 10 marzo dalla Ristorò, da me consegnata al Sindaco nel corso del Consiglio Comunale di quello stesso giorno, non ha “nessun elemento che contrasti con il capitolato d’appalto”.
Quindi quella vaschetta è vera ed è stata effettivamente prodotta dalla Ristorò per il pranzo dei bambini delle scuole materne ed elementari della città. Allora perché Moschella voleva sequestrarla?
In Consiglio comunale ha sostenuto che io la attribuivo falsamente alla Ristorò e che questo fosse il reato che giustificava il sequestro immediato. Invece quella vaschetta, con prosciutto cotto al glutammato monosodico e carote surgelate, è stata effettivamente preparata quel giorno dalla ditta della famiglia Barretta, come hanno confermato i genitori che hanno avuto modo di controllare il pasto dei figli in tutte le scuole materne ed elementari della città.
Il dirigente/comandante dovrebbe, quindi, chiedere scusa a me, ai consiglieri comunali e ai cittadini per l’abuso che ha tentato di commettere in pieno Consiglio Comunale.
Moschella nega che vi siano violazioni contrattuali, ma le etichette dei pasti somministrati ai bambini indicano chiaramente che le verdure sono surgelate, mentre il capitolato all’articolo 7, paragrafo DIETE, indica espressamente che le verdure debbano essere “fresche”. Lo stesso capitolato, sempre all’articolo 7, nel primo paragrafo, prevede che l’etichetta debba indicare chiaramente “peso e tipo di contenuto”, e invece la grammatura dei cibi non è mai presente e quindi non è possibile alcun confronto con quella prescritta dal menù della Asl. È palese anche la violazione relativa ai tempi di confezionamento e somministrazione dei pasti.
Infine, come possono testimoniare i membri nominati nella Commissione Mensa, tale organismo dall’inizio del servizio in corso, cioè dal 7 gennaio 2014, ad oggi, non si è mai riunita, non ha mai effettuato alcuna ispezione e non ha mai redatto alcun verbale, contrariamente a quanto sostenuto da Moschella. Egli annuncia inoltre di aver inviato l’aggiornamento del nostro dossier alla Asl e ad altri organismi di controllo per le necessarie verifiche. Invece i fatti da noi segnalati riguardano questioni di competenza del Comune di Benevento (permessi di costruire, certificati di agibilità, rispetto del capitolato e dei contratti di lavoro).
Da mesi argomentiamo le nostre critiche al servizio di mensa scolastica con fatti, foto e documenti che comprovano le violazioni alle norme, ai contratti e al capitolato. Moschella, invece, non esibisce mai né verbali, né documenti, né relazioni ufficiali e sottoscritte, limitandosi a sostenere genericamente a mezzo stampa che è “tutto a posto”. Per “rassicurare i cittadini”, Moschella, dimenticando di essere un soggetto terzo addetto ai controlli, interviene puntualmente per polemizzare con Altrabenevento, dimostrando in tal modo di avere un atteggiamento “preconcetto” in favore della Ristorò. Proprio questo comportamento, non ha affatto rassicurato i genitori e per tanto Moschella si deve dimettere.
Per Altrabenevento- Gabriele Corona

Condividi su:
  • Twitter
  • Facebook

© Altrabenevento

Scroll to top